post

The Guardian – L’inquinamento luminoso è un fattore chiave nella morte degli insetti (traduzione)

Testo originale: The Guardian – Light pollution is key ‘bringer of insect apocalypse’
La seguente è una traduzione gratuita in italiano di Dark-Sky Switzerland.

L’inquinamento luminoso è un fattore significativo, ma trascurato, del rapido declino delle popolazioni di insetti, secondo il meta-studio più completo delle prove scientifiche finora disponibili.

Migliaia di falene pullulano intorno ai proiettori. La luce artificiale di notte può influenzare ogni aspetto della vita degli insetti, hanno detto i ricercatori. Fotografia: Immagini di Simone De Peak/Getty

La luce artificiale di notte può influenzare ogni aspetto della vita degli insetti, hanno detto i ricercatori, dall’attirare le falene alla loro morte intorno alle lampade, a mettere in luce le prede di insetti per ratti e rospi, ad oscurare i segnali di accoppiamento delle lucciole.

«Crediamo fortemente che la luce artificiale notturna – in combinazione con la perdita di habitat, l’inquinamento chimico, le specie invasive e il cambiamento climatico – sia la causa del declino degli insetti»,

hanno concluso gli scienziati dopo aver valutato più di 150 studi. «Poniamo qui che la luce artificiale di notte è un altro importante, ma spesso trascurato, portatore dell’apocalisse degli insetti»

Tuttavia, a differenza di altri fattori di declino, l’inquinamento luminoso è relativamente facile da prevenire, ha detto il team, spegnendo le luci inutili e utilizzando le tonalità appropriate. «In questo modo si potrebbe ridurre notevolmente le perdite di insetti immediatamente».

Brett Seymoure, un ecologo comportamentale alla Washington University di St Louis e autore senior della recensione, ha detto: «La luce artificiale notturna è un’illuminazione causata dall’uomo, che va dai lampioni stradali alle torce a gas derivanti dall’estrazione del petrolio. Può colpire gli insetti in quasi ogni parte immaginabile della loro vita».

Uno scarabeo stercorario che spinge una palla di notte. Fotografia: National Geographic Image Collection/Alamy Stock Photo

In Germania e a Porto Rico sono stati segnalati i crolli della popolazione di insetti e la prima rivista scientifica globale, uscita a febbraio, ha affermato che un diffuso declino rischia di causare un «crollo catastrofico degli ecosistemi naturali».

L’ultimo studio dice: «Gli insetti in tutto il mondo sono in rapido declino. La loro assenza avrebbe conseguenze devastanti per la vita su questo pianeta».

Si pensa che ci siano milioni di specie di insetti, la maggior parte delle quali è ancora sconosciuta alla scienza, e circa la metà sono notturni. Quelli attivi di giorno possono anche essere disturbati dalla luce di notte quando sono a riposo.

L’analisi, pubblicata sulla rivista Biological Conservation, rileva che la luce è stata a lungo utilizzata deliberatamente dagli agricoltori per sopprimere gli insetti. Tuttavia, con l’espansione delle infrastrutture umane e la diminuzione dei costi dell’illuminazione, l’inquinamento luminoso ha colpito un quarto della superficie terrestre mondiale..

L’impatto più familiare dell’inquinamento luminoso è rappresentato dalle falene che sventolano intorno a una lampadina, scambiandola per la luna. Un terzo degli insetti intrappolati nell’orbita di tali luci muoiono prima della mattina, secondo il lavoro citato nella recensione, sia per esaurimento che per essere mangiati.

Un falco falco ligustro in volo di notte in Ungheria Fotografia: Blickwinkel/Alamy

Recenti ricerche nel Regno Unito hanno rilevato maggiori perdite di falene in siti inquinati dalla luce rispetto a quelli bui. I fari dei veicoli rappresentano un pericolo mortale in movimento e si stima che questa attrazione fatale provochi 100 miliardi di morti di insetti ogni estate in Germania.

La luce artificiale impedisce anche agli insetti di trovare un compagno in alcune specie, ha rilevato la ricerca, soprattutto nei coleotteri lucciola, che scambiano segnali bioluminescenti durante il corteggiamento.

Alcuni insetti usano la polarizzazione della luce per trovare l’acqua di cui hanno bisogno per riprodursi, poiché le onde luminose si allineano dopo aver riflettuto da una superficie liscia. Ma la luce artificiale può annullare tutto questo. «Gli Efemerotteri vivono solo per un giorno, così escono e cercano la luce polarizzata. Ma trovano – dall’asfalto – vi depongono le uova e muoiono tutti. Questo è un buon modo per abbattere un’intera popolazione in 24 ore».

Anche lo sviluppo degli insetti giovani, come il grillo campestre, ha dimostrato di essere influenzato dall’inquinamento luminoso, che modifica la durata percepita del giorno e della notte.

Lo studio ha riscontrato che la ricerca di cibo è influenzata dall’inquinamento luminoso. Gli insetti che evitano la luce, come ad esempio la weta, i grilli giganti non volanti che si trovano in Nuova Zelanda, passano meno tempo a cercare cibo nelle zone inquinate dalla luce.

Gli insetti sono prede importanti per molte specie, ma l’inquinamento luminoso può capovolgere l’equilibrio a favore del predatore se intrappola gli insetti intorno alle luci. Ragni, pipistrelli, ratti, ratti, uccelli costieri, gechi e rospi di canna sono stati trovati che si nutrono tutti intorno alle luci artificiali. Tali aumenti del rischio di predazione rischiavano di causare la rapida estinzione delle specie colpite, affermano i ricercatori.

I ricercatori hanno detto che l’inquinamento luminoso è particolarmente difficile da affrontare per gli insetti. La maggior parte delle minacce causate dall’uomo agli insetti hanno analoghi naturali, come il cambiamento climatico e le specie invasive, il che significa che può verificarsi un certo adattamento. Ma il ciclo quotidiano di luce e buio è rimasto costante per tutto il tempo evolutivo, hanno affermato.

Tuttavia, l’inquinamento luminoso era la più facile di tutte le minacce agli insetti da affrontare, ha detto Seymoure. Una volta che spegnete una luce, non c’è più. «Non devi andare a ripulire, come fai con la maggior parte delle sostanze inquinanti. Non sto dicendo che dobbiamo sbarazzarci della luce di notte, penso che dobbiamo solo usarla con saggezza».

Migliaia di lucciole danzanti in Giappone. Fotografia: Immagini di Kei Nomiyama/Barcroft

Spegnere semplicemente le luci che non sono necessarie è l’azione più ovvia, ha detto, mentre rendere le luci attivate in movimento riduce anche l’inquinamento luminoso. È importante ombreggiare le luci in modo da illuminare solo l’area necessaria, così come evitare luci blu-bianco, che interferiscono con i ritmi quotidiani. Le luci a LED offrono anche speranza in quanto possono essere facilmente regolate per evitare colori dannosi e tassi di sfarfallamento.

«La prova che l’inquinamento luminoso ha impatti profondi e gravi sugli ecosistemi è estremamente solida», ha detto Matt Shardlow, l’amministratore delegato dell’associazione benefica per la conservazione Buglife. È imperativo che la società prenda misure sostanziali per rendere l’ambiente più sicuro per gli insetti».

«Un obiettivo nazionale di riduzione della luce, applicabile per legge, sarebbe il passo successivo più appropriato.» Ha detto che le nuove linee guida del governo britannico sull’inquinamento luminoso non sono riuscite a tenere in considerazione la crisi del declino degli insetti.

Il professor Nigel Raine, un esperto di impollinazione all’Università di Guelph in Canada che non è coinvolto nello studio, ha detto: «L’inquinamento luminoso potrebbe avere ramificazioni significative a livello di popolazione di insetti, specie o comunità».

Ha detto che gli scienziati dovrebbero prestare maggiore attenzione alla questione: «Ma potrebbe essere troppo presto per dire che gli impatti sono significativi quanto gli altri fattori di stress».

Il team di Seymoure ha detto che non ci sono state più ricerche sull’inquinamento luminoso e sugli insetti perché i ricercatori preferiscono lavorare di giorno…

post

RSI – Il Quotidiano – La luce che inquina

 

Servizio di approfondimento “La luce che inquina” di Paolo Bobbià, con Mauro Manconi (caposervizio – Centro del sonno EOC), Rolf Rolli (consulente illuminazione pubblica), Sergio Krashitz (collaboratore scientifico Ufficio prevenzione rumori TI) e Stefano Klett (vicepresidente Dark-Sky Svizzera).

» Il servizio La luce che inquina

post

Quali sono le misure che intendono adottare a riguardo dell’imminente apertura della galleria di base del Monteceneri (2020)?

Ai comuni nella valle della Tresa (in fase di aggregazione)

Quali sono le misure che intendono adottare a riguardo dell’imminente apertura della galleria di base del Monteceneri (2020)?

Bellinzona, 28.06.2018

Distinti rappresentanti dei comuni della valle della Tresa,

con l’apertura della galleria di base del Monte Ceneri (2020) l’infrastruttura di trasporto pubblico sarà più sollecitata, ma come faranno gli utenti che abitano nella zona della valle della Tresa ad accedere a tale infrastruttura? Quali misure si intende adottare per promuoverne l’accesso?

Certamente ci sono in corso alcuni progetti: nuovo Park & Ride per i frontalieri a Lavena Ponte-Tresa (I), sostituzione delle carrozze FLP, come pure il progetto tram-treno (chissà quando lo vedremo). Ma quali sono le misure concrete che verranno implementate a breve, per favorire l’accesso ai mezzi pubblici per chi risiede nella valle della Tresa? Come fa un utente ad accedere alla rete FLP per poi andare oltre?

Attualmente si deve far capo alla rete di autopostali, che però non garantisce un servizio adeguato alle esigenze, in termini di frequenza (corse orarie con due pause a metà mattinata e nel pomeriggio) e di corse serali. Infatti, se si deve rientrare dopo le 19:40 in settimana e le 18:40, il finesettimana e i festivi non si arriva oltre Ponte-Tresa. Per raggiungere una stazione FLP, si è quindi obbligati a usare l’auto, in modo da poter tornare a casa anche la sera. Questo risulta essere un grande limite per i giovani che non hanno la patente o per chi non possiede un veicolo privato.

Per chi invece possiede un’auto, presso Ponte Tresa c’è un posteggio comunale, ma il suo utilizzo è veramente scomodo: bisogna pagare con monetine, nel caso di impossibilità di ritornare entro l’orario prefissato, non c’è alcuna possibilità di prolungare la permanenza; non esiste alcuna agevolazione per chi è in possesso di un abbonamento per i trasporti pubblici (Arcobaleno o Generale).

A Ponte-Tresa ci sono anche alcuni posteggi “BePooler”, accessibili unicamente a chi fa Car-Pooling da casa verso il posteggio. L’idea è buona, ma va bene a chi ha orari fissi e non prevede alcuna flessibilità. Personalmente, malgrado svariati tentativi, non sono mai riuscito a farne utilizzo.
In alternativa c’è il Park & Ride FLP presso Caslano, lì almeno è possibile usare carte settimanali, mensili o annuali (per chi possiede un abbonamento di trasporto pubblico), l’acquisto va però fatto presso lo sportello FLP a Lugano o presso il chiosco di Ponte Tresa (con orari limitati), definendo in modo preciso la data di utilizzo (non si può acquistare carte settimanali da usare a piacimento). Nel caso di utilizzo sporadico, non è possibile prolungare la permanenza. In ogni caso, il grosso limite di questo posteggio è che bisogna immettersi nel traffico, già congestionato, in direzione di Agno.

A mio modo di vedere, tutte queste limitazioni ostacolano massicciamente l’utilizzo dei mezzi pubblici, creando traffico privato supplementare. Non per nulla si vede proliferare il traffico di scooter, che sorpassano la colonna ferma, malgrado questo comportamento sia chiaramente vietato dal codice della circolazione, ma ciò viene tollerato.

Spero che i comuni prevedano, a breve, una pianificazione riguardo i seguenti temi:

• Incremento del servizio autopostale (o altro), sia la frequenza che l’orario dell’ultima corsa.
• Soluzione per un Park & Ride serio a Ponte-Tresa, possibilità di abbonamento per residenti in possesso di un abbonamento Arcobaleno e possibilità di prolungare il rientro per utenti sporadici (come presso P & R FFS).
• Introduzione di un servizio di bikesharing. Dalle mie informazioni, Ponte-Tresa ha recentemente declinato l’offerta di ampliamento della rete di bikesharing della citta di Lugano, che da breve tempo è già disponibile fino a Caslano. Credo che il servizio andrebbe esteso a tutta la valle della Tresa, chiaramente prevedendo gli adeguamenti stradali necessari per permettere di viaggiare in sicurezza, oggi transitare in bicicletta su quelle strade risulta essere veramente pericoloso.

Spero vivamente che per l’apertura della galleria di base del Monte Ceneri, alcune delle soluzioni proposte saranno già implementate e che ci sia una pianificazione ben chiara di come i comuni prevedano di incentivare l’accesso alla rete di trasporto pubblico.

Leggendo il rapporto di aggregazione (capitolo 6.7 Traffico), si intuisce la volontà di risolvere questo problema, anche se soluzioni concrete non vengono ancora descritte. Ma bisogna proprio aspettare l’aggregazione per procedere con un problema che assilla gli abitanti di questa regione da sempre? Progetti come il “percorso vita” sono stati avviati anche prima dell’aggregazione. Credo che sia veramente urgente procedere con piccoli passi per favorire l’accesso alla mobilità pubblica.

Solo in questo modo questa regione diventerà veramente attrattiva e potrà prevedere uno sviluppo.

Cordiali saluti

Ulteriori informazioni: ATA Sezione della Svizzera italiana puttygen download windows , Stefano Klett, membro di comitato, 076 693 31 13